Riparato il nervo ottico grazie ad una proteina.

Uno studio appena pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience ed eseguito da alcuni ricercatori del Children’s Hospital (Boston), ha messo in luce l’esistenza di una proteina, chiamata oncomodulina, in grado di riparare parti lese del nervo ottico.

Questa proteina, ancora prima di essere trovata nell’occhio, era già  stata individuata in altre zone del corpo, senza che fosse mai chiarita, però, la sua effetiva funzione. I topolini cui era stata iniettata la proteina (lo studio per ora è stata eseguito soltanto su cavie animali), hanno mostrato una velocità ed una capacità nella ripresa del nervo di almeno 5 volte superiore, se confrontati con i loro colleghi non trattati.

Ecco che dinnanzi a questa nuova importante scoperta, si aprono strade inesplorate per tutte quelle persone che presentano lesioni a tale parte dell’occhio. Gli esperimenti ovviamente continuano e noi aspettiamo le altre novità!

[Via Galileo Net]

Condividi!