Il reumatismo articolare acuto si cura anche con una dieta adeguata

La febbre reumatica, o malattia di Bouillard o reumatismo articolare acuto, è un’infezione causata dallo streptococco beta emolitico del gruppo A che può interessare vari organi, in particolare articolazioni e cuore (quest’ultimo in particolare rappresenta il coinvolgimento più pericoloso). Insorge tipicamente in età infantile e giovanile, la frequenza attualmente è in diminuzione grazie alla profilassi con penicillina.

Clinicamente questa malattia si manifesta in diverse fasi:

  • Prima fase: si ha un’infezione focale, in genere localizzata alla faringe o alle tonsille, dove determina un senso di costrizione dolosa (angina rossa)
  • Seconda fase: è una fase di sensibilizzazione che decorre in maniera asintomatica e dura 2-3 settimane.
  • Terza fase: è caratterizzata da un attacco reumatico acuto
  • Quarta fase: definita anche fase della quiescenza, i sintomi sono ridotti
  • Quinta fase: si possono avere possibili recidive con danno cardiaco

I primi sintomi si sviluppano dopo 2 – 3 settimane dall’infezione e si manifestano con artrite e cardite (infiammazione di articolazioni e cuore), dopo 1 – 2 mesi possono comparire l’eritema marginato, manifestazione cutanea solitamente localizzata agli arti e tronco, e noduli sottocutanei. Possono infine essere presenti movimenti coreici (disordinati ed incontrollati) per un coinvolgimento del sistema nervoso.

E’ possibile prevenire o attenuare i sintomi di questa malattia con una dieta adeguata?


Alcuni esperimenti hanno messo in evidenza sostanze che possono essere efficaci nella cura e prevenzione della febbre reumatica. Queste sostanze sono riportate di seguito in tabella:

Vitamina A 25.000 UI al dì
Complesso B 50 mg 3 volte al dì
Acido pantotenico 100 mg al dì
Vitamina C 1-10 g al dì
Vitamina D 400 UI al dì
Vitamina E Aumentare gradualmente sino a 800 UI al dì
Coenzima Q10 100 mg al dì
Calcio chelato 1500 mg al dì
Magnesio 1000 mg al dì
Kelp 5 compresse al dì
Germanio 200 mg al dì
Aglio 2 capsule 3 volte al dì
Enzimi proteolitici Tra i pasti
Enzimi digestivi Con i pasti

Tutto questo da integrare sempre alle terapie del vostro medico curante.

Condividi!

    Articoli correlati

    Lascia un Commento

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>